Come stanno andando le case in legno in Italia?

Ma soprattutto, come vanno le aziende che le costruiscono?

Come stanno andando le case in legno in Italia?

Ci stiamo abituando a tenervi aggiornati non solo sugli aspetti tecnici delle case in legno, ma anche sull’andamento dell’intero settore. L’ultima volta vi abbiamo parlato della diffusione delle case in legno in Italia, oggi invece vi vogliamo fornire una fotografia delle aziende italiane che si occupano di edifici in legno.

Un settore importante

L’edilizia in legno è un’industria che vale in Italia 700 milioni di euro e che interessa ormai il 7% dei nuovi permessi di costruire.

Non solo il settore delle case in legno “tiene”, bensì è in crescita, basti pensare che il valore medio del costruito è di 176.000€ per le abitazioni e 390.000€ per gli edifici non residenziali, numeri cresciuti rispettivamente del 13% e del 5% rispetto alla rilevazione dell’anno precedente.

E le aziende italiane come stanno?

Il panorama dei costruttori italiani di case in legno è formato per più della metà da piccole aziende con all’attivo poche costruzioni, come si evince dai due grafici di Federlegno che mostrano la distribuzione di costruttori per fascia di fatturato e per numero di edifici costruiti.

Ben il 61% dei costruttori ha un fatturato pari o inferiore al milione di euro, si tratta di aziende nascenti o poco strutturate che però compongono la gran parte del paniere dei costruttori. In questa pagina vi abbiamo spiegato perché è molto importante valutare con cura quando si sceglie il proprio costruttore, facendo attenzione anche alla sua esperienza e al livello di strutturazione aziendale.

Come sono distribuiti geograficamente i costruttori?

Come si sa, il Trentino-Alto Adige è la regione-simbolo, nell’immaginario collettivo, delle case in legno. L’altra volta vi abbiamo mostrato che la regione che costruisce più case in legno non è il Trentino, ma la Lombardia.

Il discorso però cambia quando si parla della distribuzione geografica delle aziende costruttrici e del loro fatturato. In questo caso il Trentino-Alto Adige la fa da padrone, con il 24% delle aziende che generano il 53% del fatturato totale! Numeri che piazzano le aziende trentine in cima alla classifica, ma d’altra parte ragioni storiche e di tradizione sono dalla loro parte.

Di alcune di queste aziende abbiamo deciso di parlarvi in questa pagina, perché sono ottimi costruttori con una grande storia alle spalle, anche se non sempre sono la migliore soluzione per ogni esigenza.

Questo contenuto è stato realizzato sulla base dell’ultimo rapporto “Case e edifici in legno” di FederlegnoArredo per conto di Assolegno.