Case in legno prefabbricate: terreno edificabile sì o no?

Domanda lecita e molto comune, anche nelle sue varianti: "Ho un terreno agricolo, posso usarlo per costruire una casa in legno?" o "Se una casa in legno è prefabbricata, perché mi serve un terreno edificabile?"

Case in legno prefabbricate: terreno edificabile sì o no?

Domanda lecita e molto comune, anche nelle sue varianti: “Ho un terreno agricolo, posso usarlo per costruire una casa in legno?” o “Se una casa in legno è prefabbricata, perché mi serve un terreno edificabile?

Domande lecite che, però, rivelano come ci sia ancora poca chiarezza intorno ai concetti di “casa in legno” e di “casa prefabbricata”.

Ecco perché oggi ti spieghiamo:

  1. Come è fatta una casa in legno
  2. Perché è necessario un terreno edificabile
  3. Cosa si intende per “prefabbricata”
  4. Come calcolare il costo di una casa in legno.

La casa in legno non è la casetta sull’albero!

Iniziamo chiarendo cosa è una casa in legno prefabbricata: è a tutti gli effetti un edificio come una casa tradizionale in muratura, con la differenza che gli elementi strutturali sono realizzati in legno. È affidabile tanto quanto la casa tradizionale, anzi, ha caratteristiche eccellenti che superano quelle di una casa in cemento.

Anche per realizzare una casa in legno servono un progetto costruttivo – redatto da un geometra, un architetto o un ingegnere, e permessi burocratici che attestino il rispetto di tutti i parametri urbanistici, come volume, superficie, rapporto di copertura, distanze da confini ed edifici, ecc. Non solo, anche per costruire una casa in legno è necessario partire dalle sue fondazioni: serviranno quindi scavi e tracce.

Sì, anche le case in legno hanno le fondazioni! Fondazioni che vanno inserite in un comparto solido: il terreno non può essere friabile,  eccessivamente umido, ad esempio, perché non reggerebbe il peso della casa.

Ecco spiegato perché, anche quando si tratta di una casa in legno, è indispensabile che il terreno sia edificabile, e non un qualunque terreno agricolo. Se già possiedi un terreno edificabile, puoi passare direttamente alla fase di progettazione; altrimenti, devi prima acquistare un terreno a norma.

Ma le case in legno non sono prefabbricate?

, lo sono, ma il termine prefabbricate ha un significato ben preciso. Probabilmente colleghi la parola “prefabbricate” a quelle case che vengono montate in fabbrica e poi trasportate, intere, sul luogo prescelto: un po’ come le casette in legno da giardino o i bungalow; case mobili da montare e smontare a piacimento, insomma.

Le case in legno prefabbricate non sono nulla di tutto ciò:

  • Non escono dalla fabbrica già montate
  • Non sono costruite in serie.

E allora cosa vuol dire “prefabbricate”?

Significa che i singoli componenti in legno – pareti, pavimenti, soffitti, ecc. – vengono tagliati su misura in azienda, e poi assemblati in cantiere. I vantaggi della prefabbricazione sono evidenti: vengono ridotti i tempi di costruzione in cantiere e i costi sono fissi e certi sin dall’inizio.

Quanto dovrò spendere?

Innanzitutto sfatiamo il mito per cui le case in legno costano sempre molto di più delle case in cemento: a parità di prestazioni, le nostre case in legno non sono più costose delle case tradizionali in muratura. Ovviamente, i prezzi variano poi in base ad alcuni fattori, ad esempio la zona geografica o l’incidenza delle imposte.

Abbiamo detto che una casa in legno deve essere costruita su un terreno edificabile, deve ottenere una serie di permessi e rispettare l’iter burocratico delle case tradizionali; a tutto ciò sono legati dei costi, variabili, che dipendono dall’estensione del terreno, ma anche dal soggetto che vende il terreno (privato o impresa? Vendita con o senza IVA?)

Per aiutarti a comprendere il modo in cui vengono applicate le imposte, abbiamo costruito una tabella che riassume gli oneri legati all’ipotetico acquisto di un terreno del valore di 100.000 euro:

Come vedi, è più conveniente, ad esempio, acquistare il terreno da un privato. Ai costi accessori per l’acquisto del terreno, dovrai poi aggiungere:

  • L’onorario del tecnico progettista + IVA
  • I costi di costruzione, diversi a seconda che tu scelga l’assemblaggi “grezzo” o quello “chiavi in mano”, + IVA
  • Eventuali costi di esterni, cancelli, giardino e allacciamenti
  • Oneri comunali di costruzione.

Riassumendo:

  • Una casa in legno prefabbricata, a parità di prestazioni, non costa più di una casa tradizionale in muratura.
  • Essendo una casa a tutti gli effetti, deve essere costruita su un terreno di tipo edificabile
  • Necessita di un progetto costruttivo
  • Deve ottenere tutti i permessi necessari, gli stessi richiesti per una casa tradizionale
  • Non è prodotta in serie né trasportata già assemblata sul luogo prescelto, ma le componenti sono tagliate su misura e poi assemblate in cantiere
  • I tempi di costruzione sono più brevi
  • I costi sono fissi e certi sin dall’inizio.