Qualche idea per essere più ecologico nella tua casa in legno: la cucina

Come risparmiare energia nella cucina della tua casa in legno? Ecco qualche idea per rendere il tuo stile di vita più green

Qualche idea per essere più ecologico nella tua casa in legno: la cucina

Gli aspetti ecologici delle case in legno ci stanno particolarmente a cuore e sono parte dei motivi che ci hanno spinti, oramai quasi vent’anni fa, a inizare a produrre le nostre case in legno.

Ogni casa in legno contribuisce ad abbattere CO2 nell’atmosfera, e contribuisce al rinfoltimento delle foreste, è vero, ma uno stile di vita sano e in armonia con l’ambiente è fondamentale per mantenere in salute il pianeta.

Quindi, sia che tu abiti già in una casa in legno oppure non ancora, abbiamo deciso di darti qualche consiglio per una vita ecologica. In questa prima puntata ci occupiamo di cucina.

1- Impara a cuocere la pasta a fuoco spento

Non tutti lo sanno, ma non è necessario mantenere il bollore dell’acqua durante la cottura della pasta. Non ti preoccupare, non uscirà collosa né scotta.

Il motivo è che la pasta cuoce a meno di 100 gradi, ecco perché il calore usato per mantenere il bollore dell’acqua durante la cottura viene disperso inutilmente.

Se vuoi approfondire ti consigliamo questo video di un professore universitario di chimica.

2- Preferisci i tovaglioli in stoffa rispetto a quelli usa e getta

Sono un po’ più scomodi perché vanno lavati ogni tanto, ma il vantaggio in termini ecologici (ed economici!) non è indifferente. Pensa alla quantità di rifiuti che hai prodotto solo con i tovaglioli di carta lo scorso anno?

Ecco, se oltre all’energia spesa per smaltirli e riciclarli aggiungi anche quella necessaria per produrli… beh, sembra molto intelligente il consiglio di evitarli.

3- Evita l’acqua nelle bottiglie di plastica

L’abitudine di bere acqua confezionata in bottiglie di plastica è relativamente recente. Prima degli anni ’80 infatti non era un comportamento comune. Le bottiglie di plastica però sono molto costose in termini energetici da riciclare. Inoltre l’acqua in bottiglia è meno controllata di quella dell’acquedotto.

La soluzione migliore quindi potrebbe essere recarsi alle casette dell’acqua, che ormai in molti comuni italiani sono disponibili, e riempire le bottiglie di vetro di acqua fresca.

Attenzione però, usa bottiglie di vetro o di materiale riutilizzabile invece di riempire bottiglie di plastica esaurite.

4- Tieni in cucina piantine di aromi e spezie, anziché usare i prodotti confezionati

Al posto di comprare salvia, basilico e rosmarino nei vasetti, sarebbe meglio attrezzarsi e avere in cucina direttamente le piantine. Così non rischierai di dover buttare quello che non usi e soprattutto non dovrai smaltire la confezione.

Con un po’ di pazienza ti verrà anche un ottimo pollice verde! Se poi hai un giardino… beh, sei completamente autonomo da questo punto di vista.

5- Usa la lavastoviglie al posto del lavaggio a mano

Può sembrare controintuitivo, ma il lavaggio a mano spreca più acqua e più energia della lavastoviglie. Questo perché il flusso di acqua calda che viene disperso è maggiore dell’acqua usata nella lavastoviglie, che per la natura del suo funzionamento fa molti meno ricambi d’acqua.

Per oggi ci fermiamo qui, sperando che i nostri spunti ti siano stati utili. Ricorda che valgono sempre i consigli generici di buon senso: non tenere l’acqua aperta e le fiamme accese più del necessario. Con qualche piccolo accorgimento, anche dalla nostra cucina possiamo contribuire a mantenere il mondo pulito.