Il Roccolo abitato di Clusone (BG)

Sei qui: Home / Realizzazioni / Il Roccolo abitato di Clusone (BG)

A Clusone, in provincia di Bergamo, abbiamo realizzato il Roccolo Abitato: una favolosa villa in legno che si pone come perfetta reinterpretazione in chiave contemporanea del “roccolo”, costruzione tipica del paesaggio dell’arco alpino e prealpino lombardo, nata nel XV secolo e finalizzata, attraverso le tecniche tradizionali del giardinaggio, alla cattura degli uccelli.

 

A causa di problemi di natura geologica il progetto non ha potuto conservare la costruzione esistente: il nuovo edificio risulta spostato di pochi metri, mantenendo intatta l’impostazione spaziale.

INFORMAZIONI SUL PROGETTO

Luogo: Clusone, Bergamo

Progettista: arch. Edoardo Milesi, Archos

Anno di realizzazione: 2017

Il progetto, tra natura e modernità

Il roccolo, la postazione di caccia utilizzata dagli uccellatori, altrimenti detto brescianella o uccellanda, è una struttura tipica del Nord e del Centro Italia, che veniva allestita sui crinali e i dossi o lungo i valichi alpini, ovvero le direttrici principali di migrazione attraverso le Alpi e le Prealpi. Quando l’uccellagione venne vietata dalla legge, alla fine degli anni Sessanta, la maggior parte dei roccoli vennero abbandonati dai loro proprietari, per divenire oggetto di recupero negli anni successivi.

 

Il progetto ripristina la caratteristica fisionomica del roccolo: un semicerchio di carpini in doppio filare con un corridoio centrale coperto dall’intreccio dei rami, che costituisce l’ossatura portante delle pareti e del tetto. Un edificio che invita l’edera ad arrampicarsi e che da dentro dà il senso di un intimo infinito” spiega l’architetto Edoardo Milesi, founder di Edoardo Milesi & Archos.

 

Una serie di ‘scatole’, dai diversi materiali e conformazioni, che si aggiungono al corpo centrale a forma di torre del roccolo originale, immerso nella natura montana delle Prealpi bergamasche. Così si presenta il progetto di ristrutturazione e reinterpretazione di Clusone: una villa sviluppata in altezza, stratificata e camaleontica, con struttura in legno e manto in zinco-titanio.

 

La caratteristica tipica del casello di caccia è infatti la discontinuità morfologica dei fronti, costituiti da volumi eterogenei accorpati e aggettanti, tamponati da materiali diversi: muratura in sasso scialbato, legno o lamiere.

“Il Roccolo è un luogo concepito per sfuggire alle pressioni del mondo urbano, dove gli ideali estetici si sublimano nella modestia delle forme semplici e dei materiali naturali, lasciando la complessità alla natura che da sola ci si avvolge attorno”.
architetto Edoardo Milesi
arch. Edoardo Milesi
progettista

Struttura in legno e manto in zinco-titanio

La struttura della villa è stata realizzata con tecnologia a secco in legno, con pareti e solai in x-lam, ed è caratterizzata da un manto ventilato in zinco-titanio opaco e pre-ossidato.

Le pareti ventilate sono in legno di larice naturale, in lamiera di zinco e in lastra di acciaio corten, per consentire ai tappezzanti di aggrapparsi ai fronti e agli uccelli di nidificare all’interno delle fenditure delle facciate.

Il progetto non è, dunque, una semplice operazione mimetica, ma una raffinata integrazione tra il roccolo, elemento peculiare del paesaggio storicizzato, e il territorio circostante con aree boscate semi-spontanee e aree agricole e urbanizzate.

© Copyright Marlegno S.r.l. 2000-2021