Le case in legno sono veramente ecosostenibili?

Spesso si è portati erroneamente a pensare che costruire con il legno significhi disboscare le foreste e distruggere l’ambiente. Un argomento su cui è bene fare chiarezza.

Copertura forestale europea

Navigando tra portali e social che trattano l’argomento delle case in legno si riscontrano spesso le perplessità di chi sostiene che costruire edifici in legno significhi danneggiare l’ambiente, disboscare e distruggere il verde del nostro pianeta.

La verità, per fortuna, non è così.

Sicuramente quello della deforestazione è un problema reale e molto delicato che grava su numerose regioni del mondo.

Nell'Unione Europea però vige una controtendenza positiva: le foreste europee si estendono per oltre 161 milioni di ettari e sono in continua espansione. Tra il 1990 ed il 2010 la superficie forestale è aumentata di circa 11 milioni di ettari, grazie all'espansione naturale e agli sforzi di rimboschimento.

E in Italia? Secondo i dati dell’Infc (Inventario nazionale delle foreste e dei serbatoi forestali di carbonio), realizzato dal Corpo Forestale dello Stato e dall’Unità di ricerca per il monitoraggio e la pianificazione forestale del Crea, le foreste e i boschi italiani sono in salute e sono cresciuti negli ultimi decenni.

In particolare, la superficie forestale nazionale è cresciuta del 5,8% rispetto al 2005 ed è pari a circa 10 milioni di ettari. L’aumento ha portato le foreste italiane a ricoprire il 34% per cento della superficie nazionale e il 5% per cento di quella europea.

foreste europee

È la certificazione forestale a fare la differenza

Come mai se in Italia costruiamo sempre più case in legno le foreste continuano ad aumentare?
Ciò è dovuto all'esistenza delle certificazioni forestali sostenibili (CFS).

Se la vostra casa in legno viene realizzata utilizzando legno proveniente da foreste certificate PEFC o FSC potete stare tranquilli, siete dalla parte dell’ambiente.

Eh sì, perché queste certificazioni sono garanzie di una gestione forestale sostenibile, rispettosa della biodiversità e della capacità di rinnovo degli alberi.

In questo modo i clienti sono sicuri che il legno utilizzato per la costruzione delle loro case deriva da foreste gestite in maniera legale e sostenibile,  che non proviene quindi da tagli illegali o da interventi irresponsabili che possono portare all'impoverimento o alla distruzione delle risorse forestali.

certificazione PEFC marlegno

Più case in legno e meno case in cemento

Ora che abbiamo compreso che costruire in legno non è un atto dannoso per l’ambiente, non è difficile comprendere che scegliere questo materiale in sostituzione dei sistemi di costruzione tradizionali sia doppiamente ecosostenibile:

  1. Costruendo con il legno diamo a questo materiale una grande importanza economica. Lo rendiamo una risorsa preziosa, instauriamo una cultura di “coltivazione” delle foreste, preservandole da chi incendia e distrugge senza scrupoli. In fondo, chi darebbe fuoco a una risorsa che può portare denaro?
  2. Scegliendo una casa in legno al posto di una tradizionale in muratura o cemento riduciamo la presenza nell'ambiente naturale di materiali e sostanze che non sono naturali.

Una casa in legno è una scelta responsabile, che aiuta l’ambiente (e l’uomo) a stare meglio.