3 ville moderne in legno da sogno

In questo articolo vengono presentate tre stupende case in legno dallo stile moderno. Progettazione integrata e soluzioni uniche per coniugare ecosostenibilità, efficienza e design.

Villa “Il Roccolo” di Clusone

villa in legno

Una villa in legno in grado di fondere alla perfezione tradizione e modernità: questo il concetto alla base del progetto del “Roccolo” di Clusone (BG).

Si tratta infatti dell’interpretazione contemporanea del roccolo appunto, una costruzione tipica del paesaggio alpino adibita alla cattura degli uccelli.

Un edificio a torre con struttura prefabbricata in legno e manto in zinco-titanio. Una casa in legno trasformata in una vera e propria opera d’arte architettonica.

E non solo, il rapporto con l’ambiente esterno e il concetto di ecosostenibilità hanno giocato un ruolo fondamentale nella progettazione.

Non una semplice riproduzione, bensì una raffinata integrazione tra il roccolo ed il territorio circostanze, le aree boschive e le zone agricole ed urbanizzate.

Un vero e proprio gioiello dell’architettura in legno.

Villa in legno a Caravaggio

villa in legno

Un’abitazione dal carattere fortemente moderno quella realizzata a Caravaggio (BG).

La caratteristica forma ad L con aggetti molto accentuati, resi possibile grazie alla leggerezza della struttura in legno, creano un particolare rapporto con lo spazio esterno e massimizzano gli apporti di luce naturale.

Le finiture, anch’esse fortemente moderne, contrappongono rivestimenti in legno e lastre in gres porcellanato.

Una casa in legno dall'elevata efficienza energetica. L’involucro altamente isolato, combinato con pannelli solari ed impianto fotovoltaico, garantiscono l’autosufficienza dell’abitazione, rendendola in pratica un edificio ad energia quasi zero.

Un progetto nel quale risparmio energetico e design si combinano alla perfezione.

Villa moderna a Bergamo

villa in legno

Questa villa è caratterizzata dal massimo rispetto per i criteri della bioedilizia, primo tra tutti il limitatissimo uso di materiali non naturali.

La struttura è infatti stata realizzata con tecnologia a telaio in legno e per l’isolamento termico è stato scelto un cappotto in fibra di legno. La forma ad L è stata pensata per abbracciare il giardino, mettendo in comunicazione ambienti interni ed esterni attraverso grandi pareti vetrate.

Un accurato studio del percorso solare si è reso necessario al fine di poter massimizzare gli apporti solari gratuiti in inverno e minimizzare l’ingresso di calore non desiderato in estate.